Formazione

 

SINTESI E RIFLESSIONI

METTIAMO LE ALI
21 febbraio - Brescia

FORMAZIONE a cura di:
Capofila associazione Lule onlus
Comune di Brescia ambito antitratta, Consiglio dei ministri Pari Opportunità.
Accoglie
Silvia Bianchi
Comune di Brescia
Formatrice
Educatrice interculturale Marzia Gotti
NUMERO VERDE 800.290.290 ANTITRATTA
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18

 

SCOPO Conoscere il fenomeno, riuscire a discriminare le persone con cui venite a contatto.

Dati: 25.000 persone vittime di tratta liberate. Persone che sono state in grave pericolo e hanno deciso di cambiare vita.

81% FEMMINE TRATTA SESSUALE 57%
17% MASCHI TRATTA LAVORATIVA 7,8%
59% NIGERIA TRATTA GENERICA 10%
7% ROMANIA  

Maggiorenni 90%
Minorenni 10%
Fondi stanziati : 2015/ 8 milioni 2016/ 15 milioni 2017/ 22milioni.

Il fenomeno della tratta è molto complesso perché prevede l’interazione di più fenomeni.
C’è il fenomeno della migrazione, le persone si spostano da un luogo all’altro. Di questi una parte viene trattata e una parte di quelli trattati vengono anche sfruttati.
SMUGGLING OF MIGRANTS:
è il termine utilizzato dalla legge per indicare il reato di favoreggiamento per ingresso illegale assistito a scopo di lucro. Le vittime sono consenzienti.
TRAFFIKING OF HUMAN BEINGS:
Reclutamento trasporto trasferimento alloggio accoglienza smistamento.
Per 80% sono DONNE
I campi di impiego sono :
prostituzione
pornografia
lavori di cura.
UOMINI: comprati e venduti per lavori rifiutati dalla manovalanza locale (agricoltura, cantieri)
Accattonaggio
Economie illegali (spaccio)
MINORI:
Adozioni illegali
Traffico organi
Accattonaggio
Prostituzione
Pornografia.

TRATTA FINALIZZATA ALLO SFRUTTAMENTO SESSUALE
Stime
35.000/70.000 Italia
20.000 sulla strada
4.000 Lombardia

I FLUSSI MIGRATORI

Anni 80 sud America
89-90 Europa est
93-99 Albania
91-2018 Nigeria

Arrivano in aereo, camion, auto, treno, barche. Le organizzazioni criminali sono ben organizzate per provvedere ai documenti o a corrompere i funzionari negli scali.

LE POTENZIALI VITTIME

Per quanto riguarda la tratta nigeriana le potenziali vittime hanno delle caratteristiche ben precise di vulnerabilità.

  • Vivono in zone rurali, dove hanno minor accesso all’informazione, minor esperienze, minor istruzione.

Provengono da determinate zone o quartieri che risentono del contesto urbano ( ghetti o periferie degradate ) villaggio sperduti.
La vulnerabilità di chi vive nelle zone rurali assieme all’ incapacità di filtrare l’abbondanza o la mancanza di informazioni e di offerte di lavoro, aumenta perché: “se anche sanno dei rischi di TRATTA pensano che non può succedere a loro”.

  • Contesti in cui la necessità di sopravvivere induce a correre dei rischi e ad offrire il proprio consenso , i motivi coinvolgono la sfera:

Religiosa
Etnica
Di orientamento sessuale
Di matrimoni forzati
Mancanza di lavoro
Mancanza di libertà di pensiero
Bisogno di cibo per sopravvivere.

  • Desiderio di affrancarsi da sistemi tradizionali/culturali molto penalizzanti, vissuti come tali attraverso il confronto fatto tramite i mass media occidentali che esercitano una forte attrattiva ( non hanno da mangiare ma hanno il cellulare, dove scoprono come si vive in occidente).

 

INDICATORI DI MARGINALITÀ

Povertà economica
Mancanza di relazioni di sostegno
Assenza di informazioni corrette
Povertà affettiva
Disagio familiare
Sofferenza /malattia ( di un familiare)
Livello di autostima ( non considerati in famiglia)
Mancanza di percezione del futuro.

Molte hanno un sogno “Dare ai familiari una vita migliore“.
La percezione del futuro è idealizzata e non esiste si vive il presente “mangio oggi“.
È importante capire che le vittime non si improvvisano “oggetti di consumo” ma sono persone con determinate caratteristiche che vengono ricercate da chi vuole sfruttarle.

NIGERIA
Popolazione censita 178 milioni (ma sappiamo che moltissimo nigeriani non vengono iscritti all’anagrafe)
250 etnie diverse, con culture diverse.
Compariamo: tre volte la popolazione Italiana
Superficie 924 mila km2.
Reddito pro-capite 1900 $ annui
60% vive con 1 $ al giorno
Mercato del lavoro, il 70-80% è sommerso
Compariamo: 20 % sommerso in Italia
Scolarizzazione: 77 milioni pari al 40%, di cui 60% uomini.
Età media 20-25 anni
Indice di sviluppo 152°
Compariamo : Italia indice sviluppo 27° posto
Religiosità:
Sulla striscia Edo State, fascia cristiana con rito africano pentecostale.
Più a sud chiese animiste
A nord religione mussulmana, la prostituzione è un reato, è prevista la lapidazione.

La Nigeria confina con :
BENIN a ovest,
CIAD, a est,
NIGER a nord e sud
CAMERUN, a est, si affaccia sull’oceano Atlantico nel golfo di Guinea
Gruppi linguistici
Comprende 36 stati, numerosi gruppi linguistici.
I 160 milioni di abitanti della Nigeria si dividono in numerosi gruppi-etnico-linguistici.
I popoli Hausa-Fulani, stanziati nel nord del paese sono principalmente mussulmani.
Gli Yoruba del sud-ovest sono divisi tra mussulmani e cristiani, mentre gli Igbo del sud-est sono per la maggior parte animisti o cristiani-pentecostali. L’area centrale è abitata da centinaia di gruppi con fede diverse e attorno all’area di Jos ci sono frequenti scontri tra mussulmani di lingua Hausa e i Beron di fede cristiana

 

QUALI SONO I PROFILI TIPO
20-25 anni
Reddito 360 $
Non scolarizzato
Sottoccupazione lavorativa
In misura minore
Scolarizzato
Reddito 1900$
Occupazione precaria
In piccola parte 20%
Giovane maschio
Con reddito familiare sopra la media
Scolarizzato
Alla ricerca di un occupazione migliore.
In tutti i casi possono migrare indebitandosi con terze persone per trasferirsi in Europa /Italia.

 

LA PRATICA MAGICA DEL JU JU
Finalizzata a vincolare le ragazze

La magia ha un ruolo importante nell’immaginario dei Nigeriani. Il ju ju è una pratica magica, è un rito a cui partecipano più persone, genitori , parenti e amici della ragazza. A guidarlo è un sacerdote o una sacerdotessa. La ragazza è vestita con abiti tradizionali o di bianco ed è quasi sempre a seno scoperto, seno su cui vengono praticati dei tagli (ma non in tutti i riti) paralleli con lame affilate.
La ragazze deve bere sangue animale e mangiare il cuore di una gallina (a volte invece il cuore viene messo in un sacchetto e consegnato alla madam) Il patto viene suggellato con MAMY WATER è confermato dal taglio di capelli, peli pubici,unghie e una foto, che vengono bruciati e poi messi in un sacchetto e consegnati alla madam per simboleggiare il possesso, ovvero che la ragazza diventa proprietà della madam che provvederà a farle fare il viaggio in europa.
Nel caso la ragazza rinneghi il patto o non restituisca quanto pattuito secondo la credenza rischia la vita o la pazzia.
Il ju ju viene utilizzato per siglare un patto la vittima (termine giuridico) è apparentemente consenziente.
Il sacchetto nelle mani della madam simboleggia la vita della ragazza. La nigeria è una società tribale e matriarcale, la loro capacità di comunicare passa attraverso i gesti e gli oggetti.

 

LE TRE PROMESSE DEL JU JU
1 Pagare il debito (VIAGGIO) che varia da ragazza a ragazza, più bella e giovane è la ragazza più alto è il debito. Il debito varia a secondo delle tratte dai 30.000 ai 70.000 euro. Spesso ai genitori e alla ragazza questo importo viene espresso nella moneta nigeriana in NAIRA. E’ un inganno a cui vengono sottoposte le ragazze che solo dopo essere arrivate in europa scoprono che la moneta da restituire è in dollari o in euro.
2 Giuramento di fedeltà alla madam .
3 Obbligo al silenzio (non si deve mai pronunciare il nome della madam né quello delle persone coinvolte nella tratta)
LE MINACCE
La minaccia in caso di inadempienza di uno qualsiasi dei tre punti è la morte o un malificio, non solo verso la ragazza ma anche verso qualsiasi parente rimasto in nigeria. Per molto tempo le ragazze devono convivere con la paura.
LE ROTTE
Le rotte cambiano continuamente, sono date da vari fattori il clima, gli accordi, tra organizzazioni criminali, dai luoghi di connessione (punti di raccolta dove sostare anche per giorni aspettando di essere prelevati da chi li deve guidare nella tappa successiva. Sulle rotte passano tutte le faccende illegali: ARMI , DROGA, ESSERI UMANI.
La rotta principale passa da Benin City-Kano-Agadez (Nigeria) poi in Niger e poi Sabha-Tripoli-Sabratah (Libya).
Durante la traversata quasi tutti hanno subito abusi sessuali soprattutto sul confine Niger/libia.

 

LE CHIESE NIGERIANE IN ITALIA

In Italia proliferano molte chiese nigeriane, alcune autonome con un proprio edificio altre itineranti.
Si dichiarano evangeliche o pentecostali.
Il problema nasce perché chiunque può aprire una chiesa, senza seguire un percorso di indirizzo religioso. E può capitare di avere chiese deviate Il concetto che circola in queste assemblee è “ Dio ti da il successo “, in che modo hai successo ? Si vede da come ti vesti e da che oggetti possiedi. E chi è la persona con più successo e quindi baciata da Dio ? Le madam!
Il momento della raccolta delle offerte diventa il momento del riconoscimento del gruppo sociale , più dai , più sei considerato. Molto spesso sono proprio le madam che finanziano le chiese. La chiesa diventa un luogo di incontro sociale , le madam fanno vedere il loro potere invitando le ragazze ad andare in chiesa e le schierandole con i loro vestiti africani per aumentare il loro prestigio sociale.
La chiesa diventa luogo di incontro dove raccontarsi storie vere o presunte, dove nascono e muoiono amori, dove incontrare patner sessuali .Spesso vanno in chiesa e tornano incinte.
La fondazione SOMASCHI sta attuando un progetto dove mappando le chiese cerca di farsi ospitare durante le assemblee per parlare a tutti i presenti 10 mn della tratta e dei possibili interventi.

 

LA TRATTA E L’ACCOGLIENZA

C’è un intreccio molto forte tra tratta e accoglienza.
Vi è un indirizzo europeo la legge n. 36 che dice che gli operatori coinvolti nell’accoglienza dovrebbero e sottolineo la parola dovrebbero segnalare alla procura della repubblica, le donne sospettate di essere vittime di tratta. In realtà nel fare quotidiano le segnalazioni vengono fatte alla prefettura di competenza, ai carabinieri del territorio, alla questura.
Per quanto riguarda i pubblici ufficiali, assistenti sociali o sanitari ospedalieri la mancata segnalazione può configurarsi come omissione di soccorso.
Cosa osservare? Vestiti succinti, parrucche, tacchi alti, denaro non giustificabile, borse, scarpe in numero esagerato, luoghi frequentati, numero ore fuori dalle strutture, abusi fisici, percosse. In pratica molte nigeriane rispondono a queste caratteristiche.
La commissione territoriale nell’udienza ha la possibilità di scoprire durante la formalizzazione dei racconti le incoerenze e quindi disporre la tutela del soggetto o un approfondimento delle storie, utilizzando colloqui con esperte nella tratta che daranno un parere alla commissione.
Questo perché negli ultimi anni le unità di strada incontrano ragazze richiedenti che transitano o vivono nei CAS e negli SPRAR. Questo perché le madam reputano più economico farle mantenere dallo stato italiano, farle curare, far loro ottenere i documenti per circolare liberamente sul territorio, basta che le regole imposte dalle strutture non impediscano il “lavoro” delle ragazze, solo in quel caso le farà uscire dall’accoglienza.

Per quanto riguarda gli uomini, l’osservazione degli orari , la non frequenza a scuola, l’assenza durante il giorno nella struttura, il possesso di un veicolo (bicicletta) può far insorgere il dubbio di un impiego nel lavoro sommerso con probabile caporalato.

 

SFRUTTATI/SFRUTTATORI

Ma veramente questi sfruttati riescono a girare l’africa con uno zainetto in spalla?
Senza documenti, senza conoscere la lingua, senza soldi?
Pensano di non avere alternative
Vengono ingannati
Si affidano a Dio
Non si fidano degli operatori italiani
Vivono nella paura a causa di un pensiero animista e a false credenze e superstizioni.
Credono che le madam abbiano potere di vita e di morte
Credono che le madam otterrà per loro il permesso di soggiorno
Non vogliono gli avvocati messi a disposizione dallo stato italiano ma si indebitano per scegliere un avvocato di loro fiducia.
Vivono la loro sessualità come se non ci fosse un domani
Non usano preservativi , perché sono nelle mani di Dio.
Utilizzano IVG come rimedio finale e se non lo ottengono nelle strutture sanitarie provvedono da sole
Oppure un figlio viene ricercato come lasciapassare per ottenere il permesso di soggiorno.
Gli uomini ricercano donne con bambino per tentare un ricongiungimento familiare (non fattibile), comunque da richiedere.

Certo è :
quando arrivano hanno un numero di cellulare memorizzato.
Sono loro che chiamano le madam per indicare dove sono alloggiate.

©2019 Intreccio Cooperativa Sociale Onlus - P. IVA 03472520984 • Informativa cookie
Privacy Policy

Questo sito web utilizza alcuni cookie per migliorare l'esperienza dell'utente, puoi leggere l'informativa cookie per maggiori informazioni